STAGIONE TEATRALE SCUOLE 2019/20

8 novembre h 10.00 [da 6 anni]

Teatri di Bari
AHIA!

drammaturgia e regia Damiano Nirchio
pupazzi Raffaele Scarimboli/Damiano Nirchio
con Lucia Zotti/Monica Contini
e Raffaele Scarimboli
vincitore Eolo Awards 2017

Lassù… O laggiù… Insomma, in quel luogo dove le anime si preparano a nascere per la prima o per l’ennesima volta, c’è un problema: una piccola anima proprio non ne vuole sapere di venire al mondo. L’Ufficio Nascite e il Signor Direttore le hanno provate tutte per convincerla, ma niente! Lei proprio non ne vuole sapere.
Una donna anziana che racconta dell’essere bambini, della paura del Dolore e delle piccole e grandi difficoltà: la fatica, la delusione, la paura di non farcela, la malattia.
E di quel rifiuto, dei piccoli come dei grandi, di affrontare e attraversare tutto ciò che non è piacevole, facile, immediatamente ottenibile, faticoso. Ma soprattutto per raccontare la gioia della Vita. E scoprire che forse, proprio come nelle fiabe, senza quegli scomodi “Ahia!” non si può costruire nessuna felicità.

27 novembre h 10.00 [da 7 anni]
Teatri di Bari/Kismet
LA PRINCIPESSA SUL PISELLO

testo e regia Lucia Zotti
con Monica Contini,
Deianira Dragone/Marialuisa Longo,
Giacomo Dimase

Elegante e umile, virtuosa e dolce, coraggiosa e timida, forte e fragile, principessa dal cuore contadino. Il principe, protetto, nutrito e coccolato, è cresciuto in un castello, lontano dalla realtà.
Non conosce rinunce e privazioni, tutto gli è dato senza desiderio. Sogna una donna molto diversa da quelle che la regina madre gli propone: “Bella senza l’arroganza della bellezza, nobile senza l’arroganza della nobiltà pietosa senza l’arroganza della pietà”.
Inizia un viaggio avventuroso che lo cambierà e favorirà l’incontro con la donna dei suoi sogni.

13 dicembre h 10.00 [da 5 anni]
Teatri di Bari/Kismet
IL GATTO E GLI STIVALI

testo e regia Lucia Zotti
con Monica Contini,
Deianira Dragone/Marialuisa Longo,
Giacomo Dimase

È una storia che pone l’attenzione su una qualità del “sentire” umano che tende ad essere soffocata, se non annullata: quella dell’istinto primordiale, quell’istinto che, quasi magicamente, conduce a discernere la giusta strada nella giungla del vivere; a riconoscere fra gli incontri quelli positivi; ad aver il coraggio di affrontare gravi pericoli per realizzare un sogno. Il gatto non è un gatto qualunque, ha poteri straordinari grazie all’aiuto degli stivali.
Conosce istintivamente il mistero della psiche femminile per cui è in grado di riconoscere nella fanciulla (la Principessa) la giusta compagna.

20 dicembre h 10.00 [da 14 anni]
Salvatore Striano
IL GIOVANE CRIMINALE

ispirato al testo di Jean Genet
di e con Salvatore “Sasà” Striano

Una soci età che non protegge, con la complicità di famiglia, educatori, sistema penitenziario e camorra.
Racconterà questo Il giovane criminale, spettacolo di Salvatore “Sasà” Striano, ispirato al testo di Jean Genet.
Lui il criminale, noi i giudici… come finirà?
Il monologo si rivolge direttamente agli spettatori, provocandoli e sollecitandoli ad una reazione ma soprattutto alla comprensione della realtà criminale e carceraria. Un invito ad aprire gli occhi su verità spesso rimosse o tenute distanti, oppure semplicemente ignorate.
Sasà attinge alla sua vita passata, un andirivieni tra riformatori,carceri e guai continui, così come l’aveva già raccontata nel suo libro “Teste Matte”, scritto insieme a Guido Lombardi.
Le sue parole vogliono minare le certezze del pubblico, che sa essere talvolta ascoltatore, talvolta giudice severo.
Striano indicherà la via d’uscita che egli ha imboccato. Quella strada illuminata dalla capacità salvifica dell’arte, della poesia, della letteratura e soprattutto, del teatro.

24 gennaio  h 10.00 [da 6 anni]
Teatri di Bari/Kismet
BARBABLUES

testo Lucia Zotti e Danilo Giuva
drammaturgia e regia Lucia Zotti
con Monica Contini, Enzo Toma, Michele Biancofiore
musiche dal vivo  Michele Biancofiore

Barbablù è un uomo che ama circondarsi di bambole, ci gioca e a volte sbadatamente le rompe. Allora le ripone in una valigia e dimentica di farle riparare. Un giorno passando accanto a una vetrina di giocattoli vede una splendida bambolina, ne viene attratto e la compera. Ma non sa che quella è una bambola speciale perché ha un cuore.  Barbablù pensa di poter gestire la relazione con le sue bambole a suo piacimento vincolandone la libertà e le emozioni. Le bambole, di conseguenza avvertono un senso di inadeguatezza che, giorno dopo giorno, impoverisce la loro vita. Ma l’ultima bambolina trova il coraggio di trasgredire al veto di Barbablù che non vuole si apra la porta di una delle stanze della casa, lei vuole sapere e capire e allora… Una metafora della vita e dell’amore verso sé e verso gli altri, ma allo stesso tempo una riflessione sul coraggio delle proprie scelte e sulla possibilità di cambiare.

28 febbraio h 10.00 [da 12 anni]
Compagnia del Sole
L’UNIVERSO È UN MATERASSO

diretto e interpretato da Flavio Albanese
scritto da Francesco Niccolini
collaborazione artistica  Marinella Anaclerio
vincitore Eolo Awards 2018

Questo è il grande racconto del Tempo. È diviso in quattro Capitoli. Il primo racconta il tempo in cui il Tempo non esisteva ancora: l’origine del tutto attraverso il mito, in particolare la teogonia di Esiodo. Il secondo capitolo descrive il tempo in cui la realtà era ciò che il buon senso e l’occhio umano potevano cogliere e comprendere: al mattino il Sole nasce a est, la sera tramonta a ovest, dunque il Sole gira intorno alla Terra. Il tempo di Aristotele e Tolomeo. Il terzo capitolo è la rivoluzione copernicana, in cui l’uomo scopre che la realtà non è quella che sembra. È un modo per divertirsi studiando, per imparare ridendo, e farsi le stesse domande che i più grandi Filosofi e Scienziati si sono posti nei secoli.

INFORMAZIONI UFFICIO SCUOLA
tel. 351 122 70 65 [Karin Gasser]
scuole@teatridibari.it
whatsapp per facilitare la comunicazione
vi suggeriamo di memorizzare il numero in rubrica!

Laboratorio Urbano
LA CITTADELLA DEGLI ARTISTI
via Bisceglie 775 Molfetta (BA) – tel. 080 338 70 82